Byllis: un viaggio tra le rovine dell’antico capoluogo illirico!

Byllis: teatro

Fondata dagli Illiri nel III sec. a.C., l’antica città di Byllis subì l’influenza della cultura ellenistica e si trasformò presto, grazie anche alla sua posizione strategica, in un importante centro urbano.

Sotto la dominazione romana, divenne sede vescovile, come testimoniano le chiese e le basiliche paleocristiane con pavimenti riccamente mosaicati, rinvenute nel corso degli scavi archeologici.

Proprio i resti delle grandi basiliche assieme alle mura, all’imponente teatro antico, allo stadio, alle stoà e agli altri edifici pubblici e privati, concorrono a rendere irrinunciabile l’esperienza di visita del Parco Archeologico di Byllis.

La cinta muraria è spettacolare: fu voluta dall’Imperatore Giustiniano I e costruita tra il 551 e il 556 d.C. per difendere la città dagli attacchi dei barbari; segue la cresta delle colline per più di 2 km, con sei porte d’accesso.

Ma è in cima al colle che Byllis offre il meglio di sé, con un panorama completo sul teatro, costruito nel III sec. a.C. per ospitare fino a 7500 persone. A fare da cornice la valle del Fiume Vjosë, con i suoi meandri che sfumano all’orizzonte, qualche capra al pascolo e pochi gruppi di visitatori.

La Taverna Byllis poi, all’ingresso del sito, vi darà l’opportunità di gustare i succulenti piatti della Mallakastra, le cui celebri tradizioni culinarie si basano principalmente sugli eccellenti prodotti caseari dell’attività pastorizia, le verdure di stagione provenienti dai villaggi della zona e le carni di agnello o capretto.

Byllis: come arrivare e ticket

Byllis: Battistero Balisica B

Arrivare in automobile in cima al colle dove un tempo sorgeva Byllis è impegnativo, ma una volta raggiunta la meta non vedrete l’ora di inquadrare il paesaggio con la macchina fotografica.

Da Fier prendete la statale SH73 che vi porterà a Patos, e imboccate la vecchia strada per Ballsh. Superate questa piccola cittadina industriale, e dopo un paio di chilometri, svoltate a destra in direzione di Hekal; quindi seguite le indicazioni per Byllis. Il sito è raggiungibile anche dalla nuova statale SH4 che collega il litorale con Gjirokastra, deviando sulla strada bianca che sale verso Hekal; il percorso è agevole anche se la strada è sterrata.

Viaggiando con i mezzi vale lo stesso discorso fatto per Ardenica: dovrete prima raggiungere Fier e da lì proseguire in taxi o furgon.

Il biglietto d’ingresso al parco archeologico costa 300 lek, mentre gli orari sono 8.00-20.00.

Per togliersi da ogni impiccio sugli spostamenti ed essere accompagnati nella visita di Byllis da una guida esperta, vi consigliamo di scandagliare le offerte di queste portali, che riuniscono il meglio delle proposte dei tour operator locali, proponendole a prezzi spesso molto vantaggiosi.

Cerca escursioni organizzate su Tourradar
Cerca escursioni organizzate su Viator
Cerca escursioni organizzate su GetYourGuide